FONDO AMMODERNAMENTO, SICUREZZA E DISMISSIONE IMPIANTI DI RISALITA E DI INNEVAMENTO

Il Fondo istituito presso il Ministero del turismo ha una dotazione di 30 milioni di euro per l’anno 2023, 50 milioni per l’anno 2024, 70 milioni per l’anno 2025 e 50 milioni per l’anno 2026, da destinare alle imprese esercenti attività di risalita a fune e innevamento, con l’obiettivo di realizzare interventi di ammodernamento e manutenzione. Tale misura mira altresì ad incentivare l’offerta turistica delle località montane. Le risorse previste possono essere destinate alla dismissione di impianti di risalita non più utilizzati o obsoleti. È inoltre prevista la dotazione di 1 milione di euro per progetti di snow-farming per ciascuno degli anni dal 2023 al 2026.

FONDO PICCOLI COMUNI A VOCAZIONE TURISTICA

Il Fondo Piccoli Comuni a vocazione turistica ha una dotazione di 10 milioni per il 2023 e 12 milioni per ciascuno degli anni 2024 e 2025. Il fondo è destinato a finanziare progetti di valorizzazione dei comuni classificati dall’ISTAT a vocazione turistica, con meno di 5.000 abitanti, al fine di incentivare interventi innovativi di accessibilità, mobilità, rigenerazione urbana e sostenibilità ambientale.

FONDO PER IL TURISMO SOSTENIBILE

Il Fondo per il turismo sostenibile ha una dotazione pari a 5 milioni di euro per l’anno 2023 e, 10 milioni di euro ciascuno per gli anni 2024 e 2025. Tale fondo mira a sostenere ed implementare interventi che promuovano l’ecoturismo e il turismo sostenibile, in quanto iniziative idonee a minimizzare i costi economici e gli impatti ambientali e sociali e, al contempo, a generare reddito e occupazione, pur assicurando la conservazione degli ecosistemi locali. Il Fondo per il Turismo Sostenibile finanzierà e sosterrà diversi interventi atti a raggiungere gli obiettivi generali di defaticare i centri nevralgici e fortemente impattati dall’overtourism sul territorio nazionale, di favorire la destagionalizzazione delle offerte turistiche e la transizione ecologica nel turismo.

CREDITO D’IMPOSTA PER L’ACQUISTO DI MATERIALI RICICLATI PROVENIENTI DALLA RACCOLTA DIFFERENZIATA

È confermato per gli anni 2023 e 2024, un credito d’imposta, nella misura del 36% delle spese sostenute ed entro il limite di 20.000 euro per ciascun beneficiario, per l’acquisto di materiali riciclati precedentemente introdotto dalla legge di bilancio 2019, al fine di incrementare il riciclaggio delle plastiche miste e degli scarti non pericolosi dei processi di produzione industriale e della lavorazione di selezione e di recupero dei rifiuti solidi urbani, in alternativa all’avvio al recupero energetico, nonché al fine di ridurre l’impatto ambientale degli imballaggi e il livello di rifiuti non riciclabili derivanti da materiali da imballaggio.

RIFINANZIAMENTO DEI CONTRATTI DI SVILUPPO

Viene rifinanziato lo strumento agevolativo dei contratti di sviluppo per:

  • 160 milioni di euro per ciascuno degli anni dal 2023 al 2027 e 240 milioni per ciascuno degli anni dal 2028 al 2037 destinando le risorse ai programmi di sviluppo industriale, compresi i programmi riguardanti l’attività di trasformazione e commercializzazione di prodotti agricoli, e ai programmi di sviluppo per la tutela ambientale
  • 40 milioni per ciascuno degli anni dal 2023 al 2027 e 60 milioni per ciascuno degli anni dal 2028 al 2037 per i programmi di sviluppo di attività turistiche

PROROGA DELL’OPERATIVITÀ TRANSITORIA E SPECIALE DEL FONDO DI GARANZIA PER LE PMI

L’operatività transitoria e speciale del Fondo di garanzia per le piccole e medie imprese viene prorogata di un anno, fino al 31 dicembre 2023, con un rifinanziamento di 800 milioni di euro.

FONDO PER POLITICHE INDUSTRIALI DI SOSTEGNO ALLE FILIERE PRODUTTIVE DEL MADE IN ITALY

Il Fondo per il potenziamento delle politiche industriali di sostegno alle filiere produttive del made in Italy ha una dotazione di 5 milioni di euro per l’anno 2023 e di 95 milioni per il 2024. La finalità del fondo è quella di sostenere lo sviluppo e modernizzazione dei processi produttivi e accrescere l’eccellenza qualitativa del made in Italy.

SOSTEGNO AGLI INVESTIMENTI PRODUTTIVI DELLE PMI

Viene incrementata di 30 milioni di euro per il 2023 e di 40 milioni di euro per ciascuno degli anni dal 2024 al 2026 la dotazione per il riconoscimento di finanziamenti e contributi a tasso agevolato a favore delle micro, piccole e medie imprese che investono in macchinari, impianti, beni strumentali e attrezzature (cosiddetta “Nuova Sabatini”). Inoltre, viene prorogato di sei mesi il termine, di norma di dodici mesi, per l’ultimazione degli investimenti per le iniziative con contratto di finanziamento stipulato dal 1° gennaio 2022 al 30 giugno 2023.

MISURE A FAVORE DEL SETTORE DELL’AUTOTRASPORTO

Viene autorizzata la spesa di 200 milioni di euro per l’anno 2023 al fine di riconoscere un contributo, per mitigare gli effetti economici derivanti dall’aumento del costo del carburante impiegato in veicoli di categoria euro 5 o superiore, agli esercenti attività di autotrasporto merci.

CONTRIBUTO STRAORDINARIO, SOTTO FORMA DI CREDITO D’IMPOSTA, A FAVORE DELLE IMPRESE PER L’ACQUISTO DI ENERGIA ELETTRICA E GAS NATURALE

Viene riconosciuto anche nel primo trimestre 2023, elevandone le percentuali, alcuni crediti di imposta per contrastare l’aumento dei costi dell’energia elettrica e del gas in capo alle imprese, e da ultimo estesi alle spese relative all’energia e al gas sostenute fino a dicembre 2022. Si tratta in particolare:

  • del credito d’imposta per le imprese energivore, che viene concesso nella misura del 45% delle spese sostenute per la componente energetica acquistata ed effettivamente utilizzata nel mese di primo trimestre 2023
  • del credito d’imposta per imprese dotate di contatori di energia elettrica di specifica potenza disponibile, pari o superiore a 4,5 kW, diverse dalle energivore, che viene attribuito in misura pari al 35% della spesa sostenuta per l’acquisto della componente energetica, effettivamente utilizzata nel primo trimestre 2023
  • del credito d’imposta per imprese gasivore, concesso in misura pari al 45% per cento della spesa sostenuta per l’acquisto del medesimo gas, consumato nel primo trimestre 2023, per usi energetici diversi dagli usi termoelettrici;
  • del credito d’imposta per l’acquisto di gas naturale per imprese non gasivore, pari al 45% della spesa sostenuta per l’acquisto del medesimo gas, consumato nel primo trimestre 2023, per usi diversi dal termoelettrico.

CONTRIBUTI PER MAGGIORE SPESA PER ENERGIA E GAS IN FAVORE DEGLI ENTI TERRITORIALI

Viene autorizzato per l’anno 2023 un contributo straordinario agli enti locali per fronteggiare le maggiori spese derivanti dagli aumenti dei prezzi di gas ed energia, e garantire la continuità dei servizi erogati dagli enti locali. A tal fine viene istituito un fondo con una dotazione di 400 milioni di euro per l’anno 2023, da destinare, per 350 milioni di euro in favore dei comuni e per 50 milioni di euro in favore delle città metropolitane e delle province, da ripartire in relazione alla spesa sostenuta dagli enti per utenze di energia elettrica e gas.

TRANSIZIONE 4.0: PROROGA DEI TERMINI DI CONSEGNA DEI BENI STRUMENTALI

Prorogato fino al 30 settembre 2023 il termine per la consegna dei macchinari 4.0 ordinati entro il 31 dicembre 2022. In questo modo le imprese avranno più tempo per usufruire del credito d’imposta per beni strumentali con aliquota al 40%.

CONFERMA DELL’INTENSITÀ DEL CREDITO DI IMPOSTA PER BENI STRUMENTALI INDUSTRIA 4.0 PER IL PERIODO DAL 2023 AL 2025

Non è stata modificata l’intensità del contributo per il CDI beni strumentali Industria 4.0 che dunque per il periodo dal 2023 al 2025 rimane pari a:

Euroservis è al vostro fianco per aiutarvi a realizzare gli investimenti, risparmiando!

Per qualsiasi informazione o approfondimento puoi contattarci per mail info@euroservis.eu, o telefonicamente al +39 – 040 – 762712.

    HAI UN PROGETTO E STAI CERCANDO LE RISORSE PER REALIZZARLO?

    Scrivici un messaggio!