LIFE -Ambiente – Sottoprogramma Natura e Biodiversità

Aperto
Scadenza: 8 settembre 2022 per progetti di Assistenza Tecnica 8 settembre 2022 (I step) per progetti strategici di tutela della natura (II step- 07/03/23) 4 ottobre 2022 per i progetti di Azione Standard
Difficoltà: Pratica difficile
Categoria: Opportunità europee
Area: UE 27 - Austria, Belgio, Bulgaria, Cechia, Cipro, Croazia, Danimarca, Estonia, Finlandia, Francia, Germania, Grecia, Irlanda, Italia, Lettonia, Lituania, Lussemburgo, Malta, Olanda, Polonia, Portogallo, Romania, Slovacchia, Slovenia, Spagna, Svezia, UngheriaPaesi e Territori d'Oltremare: 1.Olanda: Aruba, Bonaire, Curaçao, Saba, Sint Eustatius, Sint Maarten; 2. Francia: Nuova Caledonia, Polinesia francese, Terre australi e antartiche francesi, Isole di Wallis e Futuna, Saint Pierre e Miquelon, Saint Barthélemy; 3. Danimarca: GroenlandiaAltri Paese partner: Bosnia-Erzegovina, Kosovo, Algeria, Armenia, Azerbaigian, Bielorussia, Egitto, Georgia, Israele, Giordania, Libano, Libia, Repubblica moldova, Marocco, Siria, Tunisia, Ucraina, Palestina, Macedonia del Nord, Montenegro, Turchia, Serbia e Albania
Tipologia: Contributo a fondo perduto
Beneficiari: AssociazioneEnte PubblicoGrande impresaMedia impresaMicro impresaPiccola impresa

Beneficiario

• Tutti i soggetti privati (profit e no profit)
• Enti pubblici
• Organizzazioni internazionali

Obiettivo

L’obiettivo generale del programma LIFE consiste nel contribuire al passaggio a un’economia sostenibile, circolare, efficiente in termini di energia, basata sulle energie rinnovabili, climaticamente neutra e resiliente ai cambiamenti climatici, al fine di tutelare, ripristinare e migliorare la qualità dell’ambiente, compresi l’aria, l’acqua e il suolo, e di interrompere e invertire il processo di perdita della biodiversità, nonché di contrastare il degrado degli ecosistemi.
Nello specifico questo sottoprogramma vuole contribuire agli obiettivi dell’Unione europea per la protezione, il mantenimento e il ripristino del capitale naturale dell’Unione nel suo mare, nei suoi ecosistemi d’acqua dolce e terrestre, come delineato nella Convenzione sulla diversità Biologica e la convenzione di Berna.
In particolare contribuirà al raggiungimento degli obiettivi della strategia UE sulla biodiversità per il 2030, delle Direttive Habitat e Uccelli, del Regolamento sulle specie aliene invasive, della Direttiva quadro sulla strategia per l’ambiente marino, della Direttiva quadro sulle acque e della strategia europea per le regioni ultraperiferiche.

Spese

A. Costi di personale
B. Costi di subcontratto
C. Costi per acquisti (Viaggi e trasferte; Attrezzature; Beni, lavori e servizi)
D. Altri costi (supporto finanziario a terze parti, acquisto di terreni) – categoria non ammessa per i progetti di Assistenza Tecnica
E. Costi indiretti (7% dei costi diretti)

Ammontare

60% delle spese ammissibili
Può essere richiesto:
• Un innalzamento al 75% per progetti che si rivolgono esclusivamente a habitat e/o specie prioritari
• Un innalzamento al 67% per progetti che sia a habitat e/o specie prioritari che non prioritari